Dee

Eventi

Invito alla lettura

  • Le abitazioni della Dea – Cristina Biaggi
    Le abitazioni della Dea di Cristina Biaggi Venexia Editrice, Le Civette – I Saggi di Arianna Carta Un libro affascinante scritto da una studiosa eclettica e coraggiosa che, ispirata dal lavoro dell’archeologa Marija Gimbutas, soprattutto […]

Le Origini

  • Ricordando Marija Gimbutas
    Era il 1999 quando conobbi a Milano Joan Marler, invitata a partecipare a un convegno, “Le radici prime dell’Europa: Stratificazioni, processi diffusivi, scontri e incontri di culture” (27-28 ottobre, Sala delle colonne di via San […]
  • Momolina Marconi e la “femminilità del divino” nel Mediterraneo pre-indoeuropeo
    Momolina Marconi (1912-2006) ha dedicato la sua vita di studiosa delle religioni del Mediterraneo alla ricerca delle rappresentazioni femminili primigenie, attingendo alla memoria iconografica e letteraria dei popoli che hanno lasciato le loro tracce nella […]
  • Mitologia Paleolitica
    La prima domanda che viene da porsi analizzando l’arte paleolitica è perché la Dea Madre fosse solo scolpita, e mai dipinta, sulle pareti delle caverne, e quale fosse la sua relazione con gli animali, che […]
  • Marija Gimbutas, Segni fuori dal Tempo
    Segni fuori dal tempo fu realizzato da Donna Read e Starhawk nel 2003 per la casa produttrice canadese Belili Productions come omaggio a Marija Gimbutas per ricordarla a 10 anni dalla sua morte. Sottotitolato inizialmente […]
  • Le origini
    Molto tempo fa, forse 20.000 anni e più, l’immagine di una dea apparve in un vasto territorio che si estende dai Pirenei al lago Baikal in Siberia. Statue di pietra, di osso, d’avorio, minuscole figure […]
  • Le culture Neolitiche dell’Adriatico e del Mediterraneo Centrale
    I primi abitanti delle coste e delle isole dell’Adriatico vivono cacciando piccoli animali fino a circa il 7000 a. C., quando si compie una transizione verso un’economia di raccolta dei molluschi. Nelle isole dell’Adriatico e […]
  • La caverna
    La caverna, utero della Dea Madre Poco più di cent’anni fa, nessuno sospettava che ci fosse vita umana, al tempo in cui i lanosi mammut pascolavano sulle distese ghiacciate che coprivano molta Europa e Asia. […]
  • I simboli
    La Dea come uccello L’uccello che spunta da un cielo lontano è sempre stato un messaggero di meraviglia, incarnazione visibile del mondo invisibile. In molti miti dell’Età del Bronzo, l’uovo cosmico dell’universo era deposto dalla […]
  • Cronologia Preistoria

Luoghi di culto

  • Santa Gemma – Demetra – Kerres – Goriano Sicoli (L’Aquila)
    Premessa   Demetra per sempre fu il titolo che, anni fa, diedi al mio studio sulla festa popolare del mio paese. Un paese rinserrato nel cuore dell’Appennino abruzzese: Goriano Sicoli. Un nome che ricorda la […]
  • Prano Muteddu Goni. I luoghi della Dea
    Tratto da Marija Gimbutas. Vent’anni di studio sulla Dea, Atti del Convegno omonimo, Roma 9-10 maggio 2014, Progetto Editoriale Laima – Torino Goni è un piccolissimo paese in provincia di Cagliari, in quella zona della […]
  • Ninfe siciliane. Creature animali, umane, divine
    Il culto tributato alle ninfe testimonia un intreccio di piani – molto concreti e incarnati – che oggi sentiamo lontani e separati gli uni dagli altri (il mondo umano, divino, animale, vegetale, sacro e profano); […]
  • Matrilineare
    Questa è la storia di un viaggio attraverso lo spazio e il tempo, è la storia di dieci anni di ricerca teatrale iniziata quando sono diventata madre, e ho studiato come educatrice perinatale, una figura […]
  • Le Krivapete delle Valli del Natisone (Udine)
    Le valli del Natisone si trovano nella parte più orientale del Friuli-Venezia Giulia. Sono formate dalla valle del fiume Natisone e da quelle percorse dai suoi affluenti, l’Alberone, il Cosizza e l’Erbezzo, seguendo un sistema […]
  • La Voce della Madre. Il valore dell’esperienza viva del suono nello spazio sacro e nei culti dedicati alla Dea Madre
    Che posto occupa il suono nella nostra vita come individui e come collettività e quale spazio di senso occupava per coloro che ci hanno preceduto e, tornando indietro nel tempo, per le civiltà pre-cristiane e […]
  • Il culto delle ossa a Grotta Scaloria
    Quale genere di culto dei morti praticavano le popolazioni neolitiche di Grotta Scaloria? Uno studio pubblicato nel 2015 sulla rivista Antiquity ha messo in luce probabili antichi riti funebri in uso oltre 7000 anni fa […]
  • Gli Etruschi, il Primato Femminile, le Sibille e il culto di Voltumna
    Tratto da Marija Gimbutas. Vent’anni di studio sulla Dea, Atti del Convegno omonimo, Roma 9-10 maggio 2014, Progetto Editoriale Laima – Torino La tradizionale icona mitologica associata alla città di Roma, la Lupa e i […]
  • Feronia e il suo culto
    Il culto della dea Feronia ci è noto grazie alle numerose notizie che ci hanno lasciato gli autori della letteratura latina e greca, alle numerose epigrafi di epoca classica ed anche ad una moneta, che […]

Ricerca

  • Tracce dell’Antica Dea Mediterranea nelle manifestazioni religiose protoitaliche dalle ricerche di Momolina Marconi
    Tratto da Marija Gimbutas. Vent’anni di studio sulla Dea, Atti del Convegno omonimo, Roma 9-10 maggio 2014, Progetto Editoriale Laima – Torino In questo intervento analizzerò il contributo di una ricercatrice italiana del secolo scorso, […]
  • Touta Marouca
    “Un esempio eccezionale di un vecchio toponimo italico rimasto intatto sino ai nostri giorni, una miracolosa sopravvivenza trasmessa attraverso venticinque secoli (…), è stato accertato alle falde della Majella.” Un vecchio toponimo che ricorre nel […]
  • Sulle “Faccine” antropomorfe ritrovate nel Pulo di Molfetta
    Durante i lavori per la riapertura al pubblico del Pulo di Molfetta (Bari), nel 2020, sono emersi due ciottoli incisi il cui interesse rientra nell’ambito dell’arte preistorica (fonte). Il significato di arte, così come noi […]
  • Santa Gemma – Demetra – Kerres – Goriano Sicoli (L’Aquila)
    Premessa   Demetra per sempre fu il titolo che, anni fa, diedi al mio studio sulla festa popolare del mio paese. Un paese rinserrato nel cuore dell’Appennino abruzzese: Goriano Sicoli. Un nome che ricorda la […]
  • Prano Muteddu Goni. I luoghi della Dea
    Tratto da Marija Gimbutas. Vent’anni di studio sulla Dea, Atti del Convegno omonimo, Roma 9-10 maggio 2014, Progetto Editoriale Laima – Torino Goni è un piccolissimo paese in provincia di Cagliari, in quella zona della […]
  • Perda Fitta
    Una pietra conficcata nel terreno, questo è “Perda fitta” e non è facile sapere da quanto sta lì piantata. Se potesse raccontare ciò che ha veduto, una vita non basterebbe per ascoltare i fiumi di […]
  • Ninfe siciliane. Creature animali, umane, divine
    Il culto tributato alle ninfe testimonia un intreccio di piani – molto concreti e incarnati – che oggi sentiamo lontani e separati gli uni dagli altri (il mondo umano, divino, animale, vegetale, sacro e profano); […]
  • Neve, neonata di 10.000 anni fa
    Il ritrovamento ad Arma Veirana di AVH-1, una neonata ribattezzata Neve dagli archeologi, è avvenuto all’interno di una grotta a lungo studiata delle Prealpi Liguri in provincia di Savona; le analisi dell’amelogenina, una proteina presente […]
  • Nel giardino della Dea, le sepolture di Masseria Candelaro (Foggia)
    Tratto da Marija Gimbutas. Vent’anni di studio sulla Dea, Atti del Convegno omonimo, Roma 9-10 maggio 2014, Progetto Editoriale Laima – Torino A Masseria Candelaro, un villaggio neolitico del tavoliere foggiano, sono venute alla luce […]
  • Monte d’Accoddi, tra dibattiti e abbandono
    Durante l’ormai lontano anno accademico 1989/90 ho avuto il piacere di seguire le lezioni del prof. Santo Tinè, allora docente di Paletnologia presso l’Università di Genova. Al suo attivo vantava già notevoli esperienze di scavo […]
  • Messaggi femminili dalla preistoria dell’arte. Le artiste di Grotta Chauvet e Grotta dei Cervi
    Tratto da Marija Gimbutas. Vent’anni di studio sulla Dea, Atti del Convegno omonimo, Roma 9-10 maggio 2014, Progetto Editoriale Laima – Torino Cosa deduciamo quando l’arte e le forme delle pareti di due imponenti santuari […]
  • Matrilineare
    Questa è la storia di un viaggio attraverso lo spazio e il tempo, è la storia di dieci anni di ricerca teatrale iniziata quando sono diventata madre, e ho studiato come educatrice perinatale, una figura […]
  • Madri del Tempo
    Il complesso dei Balzi Rossi o di Grimaldi, così chiamato dal vicino villaggio, è stato oggetto di numerose indagini archeologiche sin dalla metà dell’800 che hanno portato alla luce reperti e testimonianze paleontologiche e archeologiche […]
  • Le Tavole Iguvine – Gubbio (PG)
    Una finestra aperta sull’antica popolazione umbra, la sua organizzazione socio-politica, la scrittura e i rituali pubblici di una religiosità comunitaria. La lingua degli Umbri è parte della mia vita, perché il mio lignaggio femminile trae […]
  • Le spirali nei portelli delle tombe di Castelluccio (Sicilia)
    Tratto da Marija Gimbutas. Vent’anni di studio sulla Dea, Atti del Convegno omonimo, Roma 9-10 maggio 2014, Progetto Editoriale Laima – Torino L’oggetto di studio è costituito dalle spirali che decorano i portelli di chiusura […]
  • Le radici della religione etrusca
    Tratto da Marija Gimbutas. Vent’anni di studio sulla Dea, Atti del Convegno omonimo, Roma 9-10 maggio 2014, Progetto Editoriale Laima – Torino Nel corso del III millennio P.E.C. si diffusero in Europa, muovendo da est, […]
  • Le popolazioni di Grotta Fumane
    La Grotta di Fumane rappresenta in Europa uno dei più importanti archivi archeologici del Paleolitico Medio e Superiore. Abitata dapprima dall’Homo Neanderthalensis e successivamente dagli Homo Sapiens, in un periodo che va da circa 90 […]
  • Le Krivapete delle Valli del Natisone (Udine)
    Le valli del Natisone si trovano nella parte più orientale del Friuli-Venezia Giulia. Sono formate dalla valle del fiume Natisone e da quelle percorse dai suoi affluenti, l’Alberone, il Cosizza e l’Erbezzo, seguendo un sistema […]
  • Le Dee Maghe dalla classicità al medioevo: da Circe a Morgana
    Tratto da Marija Gimbutas. Vent’anni di studio sulla Dea, Atti del Convegno omonimo, Roma 9-10 maggio 2014, Progetto Editoriale Laima – Torino Circe La Marconi riconosce nella figura di Circe e in quella di Medea […]
  • Le Dee italiche eredi della Grande Dea mediterranea: Fortuna, Bona Dea, Mater Matuta, Feronia, Diana
    Tratto da Marija Gimbutas. Vent’anni di studio sulla Dea, Atti del Convegno omonimo, Roma 9-10 maggio 2014, Progetto Editoriale Laima – Torino Fortuna È protettrice della fecondità umana e dei parti, colei che porta felicemente […]
  • Le Dame di Fossa. Analisi del costume dai corredi tombali di Fossa (L’Aquila)
    Fossa è un sito in provincia de L’Aquila, generalmente riferito alla popolazione sabellica dei Vestini, le cui prime testimonianze si hanno nella metà del III secolo a. C. grazie ad una legenda monetale in cui […]
  • La Voce della Madre. Il valore dell’esperienza viva del suono nello spazio sacro e nei culti dedicati alla Dea Madre
    Che posto occupa il suono nella nostra vita come individui e come collettività e quale spazio di senso occupava per coloro che ci hanno preceduto e, tornando indietro nel tempo, per le civiltà pre-cristiane e […]
  • La valle peligna in Abruzzo
    La presenza di reperti d’origine fenicia, cipriota, siriaca nella Valle Peligna sta a dimostrare che essa, benché chiusa da alte montagne, fu aperta alle correnti delle varie civiltà dell’epoca pre-romana (o, per dirla con Momolina […]
  • La Sacerdotessa del Tripode di Sesto Calende e le sue sorelle – Donne sacre nella cultura di Golasecca
    Nel Museo Civico Archeologico di Sesto Calende, proprio al centro della sala principale, è esposto un ricco corredo funerario risalente al VI secolo a.C., occasionalmente scoperto nel marzo 1977 nella zona Mulini Bellaria a Sesto […]
  • La Dea di Rapino e La Grotta del Colle
    La Grotta del Colle a Rapino, in provincia di Chieti, sul versante orientale della Maiella, è sicuramente uno dei siti archeologici più suggestivi della Montagna Madre abruzzese ed anche un chiaro esempio di come la […]
  • La cultura di Ripoli
    Tutto iniziò per la passione che il medico condotto di Corropoli, Concezio Rosa, mise nel cercare, nel territorio in cui abitava e lavorava, qualche notizia in più su quanto i contadini della zona andavano ritrovando […]
  • La cultura di Catignano (Pescara)
    La cultura di Catignano appartiene alla fase antica di affermazione della Cultura della ceramica dipinta: al lasso di tempo fra il 5400 e il 4900 a.C. La sua scoperta ha colmato una lacuna nella preistoria […]
  • La cuffia del Gravettiano
    La preistoria è certo un luogo inesauribile di domande che difficilmente troveranno mai risposte. Quando cerchiamo di ricostruire le nostre origini l’intuizione rimane forse la sola facoltà utile poiché essa attinge ai più profondi e […]
  • La ceramica della cultura di Catignano (Pescara)
    L’inizio del Neolitico nell’area medio-adriatica coincide con la fase più evoluta del Neolitico antico dell’Italia meridionale. “… Il cosidetto “pacchetto neolitico”, che giunge in Italia meridionale verso gli 8000 anni da oggi, sembra manifestarsi con […]
  • L’eredità della dea madre nelle Marche tra fonti archeologiche e tradizione
    Il mondo spirituale dei nostri più antichi predecessori è uno degli argomenti più dibattuti nell’ambito degli studi preistorici: il senso del sacro è un tema dai contorni sfuggenti e le difficoltà aumentano se ad essere […]
  • Io, Badisco e Grotta dei Cervi
    Scrivere su Grotta dei Cervi di Porto Badisco nel Salento è stimolante e arduo. La complessità artistica e il fenomeno antropologico che la caratterizzano implicano scienza, filosofia e neurologia al contempo. È un luogo singolare […]
  • Il pozzo sacro di Santa Cristina: alcune considerazioni sui simboli
    La Sardegna è un tempio a cielo aperto costellato di manifestazioni sacre o, per dirla con Eliade, ierofanie: nuraghi, domus de janas, tombe di giganti, menhir e pozzi sacri che si fondono con rocce zoo […]
  • Il Guerriero di Capestrano è una donna?
    Nel 1934, toccò a un contadino che lavorava sulla sua terra poco fuori dal paese di Capestrano trovare una grande statua. La parte anteriore era parecchio rovinata, ma il retro era in perfette condizioni. Era […]
  • Il culto di Diana e di Anna Perenna sulle Alpi Apuane
    Tratto da Marija Gimbutas. Vent’anni di studio sulla Dea, Atti del Convegno omonimo, Roma 9-10 maggio 2014, Progetto Editoriale Laima – Torino Nel centro Italia, nella regione Toscana, a pochi chilometri dal litorale della Versilia, […]
  • Il culto delle ossa a Grotta Scaloria
    Quale genere di culto dei morti praticavano le popolazioni neolitiche di Grotta Scaloria? Uno studio pubblicato nel 2015 sulla rivista Antiquity ha messo in luce probabili antichi riti funebri in uso oltre 7000 anni fa […]
  • I Balzi Rossi
    Le ricerche Le grotte dei Balzi Rossi, in origine in numero di 11, erano conosciute già nel 1700, ma il primo a condurvi indagini di tipo scientifico fu il Principe Florestano I di Monaco nel […]
  • Gli Etruschi, il Primato Femminile, le Sibille e il culto di Voltumna
    Tratto da Marija Gimbutas. Vent’anni di studio sulla Dea, Atti del Convegno omonimo, Roma 9-10 maggio 2014, Progetto Editoriale Laima – Torino La tradizionale icona mitologica associata alla città di Roma, la Lupa e i […]
  • Filosofia dell’aldilà nel paleolitico pugliese
    Trattando della spiritualità funeraria si sfiora il concetto di aldilà, il mondo più lontano che l’uomo abbia mai tentato di elaborare ed esplorare idealmente. Così, nei diversi approcci con la morte, incontriamo costantemente la preoccupazione […]
  • Feronia e il suo culto
    Il culto della dea Feronia ci è noto grazie alle numerose notizie che ci hanno lasciato gli autori della letteratura latina e greca, alle numerose epigrafi di epoca classica ed anche ad una moneta, che […]
  • Daunia antica. Artigiane, terapeute, sacerdotesse: le donne delle stele
    Per diverse società antiche e tradizionali il tema femminile è stato principale nell’arte e nell’artigianato. Si è verificato anche nella Daunia più antica con le statue-stele, ho già trattato di questo in un articolo precedente […]
  • Dalla Terra ti sento narrare. Racconti di donne nelle sepolture neolitiche femminili
    Tratto da Marija Gimbutas. Vent’anni di studio sulla Dea, Atti del Convegno omonimo, Roma 9-10 maggio 2014, Progetto Editoriale Laima – Torino La breve ricerca sulle sepolture neolitiche mi ha inizialmente condotta in un universo […]
  • Angizia, Natura e Magia
    Tratto da Marija Gimbutas. Vent’anni di studio sulla Dea, Atti del Convegno omonimo, Roma 9-10 maggio 2014, Progetto Editoriale Laima – Torino Questo breve intervento è dedicato alle nostre antenate, “donne sapienti” e alla capacità […]

Ricerca sul campo

Sorry, no articoli found.

Ritrovamenti

  • Sulle “Faccine” antropomorfe ritrovate nel Pulo di Molfetta
    Durante i lavori per la riapertura al pubblico del Pulo di Molfetta (Bari), nel 2020, sono emersi due ciottoli incisi il cui interesse rientra nell’ambito dell’arte preistorica (fonte). Il significato di arte, così come noi […]
  • Perda Fitta
    Una pietra conficcata nel terreno, questo è “Perda fitta” e non è facile sapere da quanto sta lì piantata. Se potesse raccontare ciò che ha veduto, una vita non basterebbe per ascoltare i fiumi di […]
  • Monte d’Accoddi, tra dibattiti e abbandono
    Durante l’ormai lontano anno accademico 1989/90 ho avuto il piacere di seguire le lezioni del prof. Santo Tinè, allora docente di Paletnologia presso l’Università di Genova. Al suo attivo vantava già notevoli esperienze di scavo […]
  • Le popolazioni di Grotta Fumane
    La Grotta di Fumane rappresenta in Europa uno dei più importanti archivi archeologici del Paleolitico Medio e Superiore. Abitata dapprima dall’Homo Neanderthalensis e successivamente dagli Homo Sapiens, in un periodo che va da circa 90 […]
  • La cultura di Ripoli
    Tutto iniziò per la passione che il medico condotto di Corropoli, Concezio Rosa, mise nel cercare, nel territorio in cui abitava e lavorava, qualche notizia in più su quanto i contadini della zona andavano ritrovando […]
  • La cultura di Catignano (Pescara)
    La cultura di Catignano appartiene alla fase antica di affermazione della Cultura della ceramica dipinta: al lasso di tempo fra il 5400 e il 4900 a.C. La sua scoperta ha colmato una lacuna nella preistoria […]
  • La ceramica della cultura di Catignano (Pescara)
    L’inizio del Neolitico nell’area medio-adriatica coincide con la fase più evoluta del Neolitico antico dell’Italia meridionale. “… Il cosidetto “pacchetto neolitico”, che giunge in Italia meridionale verso gli 8000 anni da oggi, sembra manifestarsi con […]
  • Io, Badisco e Grotta dei Cervi
    Scrivere su Grotta dei Cervi di Porto Badisco nel Salento è stimolante e arduo. La complessità artistica e il fenomeno antropologico che la caratterizzano implicano scienza, filosofia e neurologia al contempo. È un luogo singolare […]
  • I Balzi Rossi
    Le ricerche Le grotte dei Balzi Rossi, in origine in numero di 11, erano conosciute già nel 1700, ma il primo a condurvi indagini di tipo scientifico fu il Principe Florestano I di Monaco nel […]

Scoperte

  • Un nuovo metodo di ricerca mostra che la “venere” Willendorf proviene probabilmente dal nord Italia
    La statuetta di Willendorf, alta quasi 11 cm, è uno dei più importanti esempi di arte antica in Europa. È realizzata scolpendo una roccia chiamata “oolite” che non si trova a Willendorf e nei dintorni. […]
  • Nuove scoperte a Grotta Romanelli in Puglia
    Ad ottobre 2021 sono state pubblicate sulla rivista “Antiquity” i risultati delle indagini all’interno di Grotta Romanelli (vedi scheda), con il ritrovamento di nuove incisioni parietali, circa 31 nuove unità grafiche, tra cui la figura […]
  • La principessa Marouca
    Nell’ambito del progetto di riqualificazione di piazza San Giustino del Comune di Chieti è stata rinvenuta una ricchissima sepoltura di epoca ellenistica (IV-III sec. a.C.) ancora intatta appartenente ad una donna ribattezzata subito la principessa […]
  • Impronte del neolitico sulle rocce in Abruzzo
    Un’altra news che arriva dall’Abruzzo e precisamente dalla zona di Pescosansonesco dove l’archeologo Guido Palmerini ha scoperto impronte di mani realizzate in pigmento rosso risalenti al quarto-quinto millennio AC e impresse sulle rocce in una […]
  • Il più antico insediamento di Sapiens in Europa
    Grotta Mandrin, in Francia è situata vicino alla città di Malataverne in posizione dominante della sponda orientale della media valle del fiume Rodano ad un’altitudine di 225 m. Dal 1990 gli scavi hanno rivelato una […]
  • 18 Gennaio 2021: piccolo volto rinvenuto nel Pulo di Molfetta.
    FONTE: La Repubblica Più piccolo di una moneta l’idoletto è stato rinvenuto nel Pulo di Molfetta, dove ad ottobre era venuto alla luce un altro reperto; Il 18 Gennaio 2021 mentre facevano una ricognizione per […]

Segnalazioni

Sepolture

  • Neve, neonata di 10.000 anni fa
    Il ritrovamento ad Arma Veirana di AVH-1, una neonata ribattezzata Neve dagli archeologi, è avvenuto all’interno di una grotta a lungo studiata delle Prealpi Liguri in provincia di Savona; le analisi dell’amelogenina, una proteina presente […]
  • Nel giardino della Dea, le sepolture di Masseria Candelaro (Foggia)
    Tratto da Marija Gimbutas. Vent’anni di studio sulla Dea, Atti del Convegno omonimo, Roma 9-10 maggio 2014, Progetto Editoriale Laima – Torino A Masseria Candelaro, un villaggio neolitico del tavoliere foggiano, sono venute alla luce […]
  • Madri del Tempo
    Il complesso dei Balzi Rossi o di Grimaldi, così chiamato dal vicino villaggio, è stato oggetto di numerose indagini archeologiche sin dalla metà dell’800 che hanno portato alla luce reperti e testimonianze paleontologiche e archeologiche […]
  • Le spirali nei portelli delle tombe di Castelluccio (Sicilia)
    Tratto da Marija Gimbutas. Vent’anni di studio sulla Dea, Atti del Convegno omonimo, Roma 9-10 maggio 2014, Progetto Editoriale Laima – Torino L’oggetto di studio è costituito dalle spirali che decorano i portelli di chiusura […]
  • Le Dame di Fossa. Analisi del costume dai corredi tombali di Fossa (L’Aquila)
    Fossa è un sito in provincia de L’Aquila, generalmente riferito alla popolazione sabellica dei Vestini, le cui prime testimonianze si hanno nella metà del III secolo a. C. grazie ad una legenda monetale in cui […]
  • Filosofia dell’aldilà nel paleolitico pugliese
    Trattando della spiritualità funeraria si sfiora il concetto di aldilà, il mondo più lontano che l’uomo abbia mai tentato di elaborare ed esplorare idealmente. Così, nei diversi approcci con la morte, incontriamo costantemente la preoccupazione […]
  • Dalla Terra ti sento narrare. Racconti di donne nelle sepolture neolitiche femminili
    Tratto da Marija Gimbutas. Vent’anni di studio sulla Dea, Atti del Convegno omonimo, Roma 9-10 maggio 2014, Progetto Editoriale Laima – Torino La breve ricerca sulle sepolture neolitiche mi ha inizialmente condotta in un universo […]

Simboli

  • Messaggi femminili dalla preistoria dell’arte. Le artiste di Grotta Chauvet e Grotta dei Cervi
    Tratto da Marija Gimbutas. Vent’anni di studio sulla Dea, Atti del Convegno omonimo, Roma 9-10 maggio 2014, Progetto Editoriale Laima – Torino Cosa deduciamo quando l’arte e le forme delle pareti di due imponenti santuari […]
  • Le Tavole Iguvine – Gubbio (PG)
    Una finestra aperta sull’antica popolazione umbra, la sua organizzazione socio-politica, la scrittura e i rituali pubblici di una religiosità comunitaria. La lingua degli Umbri è parte della mia vita, perché il mio lignaggio femminile trae […]
  • Le radici della religione etrusca
    Tratto da Marija Gimbutas. Vent’anni di studio sulla Dea, Atti del Convegno omonimo, Roma 9-10 maggio 2014, Progetto Editoriale Laima – Torino Nel corso del III millennio P.E.C. si diffusero in Europa, muovendo da est, […]
  • La cuffia del Gravettiano
    La preistoria è certo un luogo inesauribile di domande che difficilmente troveranno mai risposte. Quando cerchiamo di ricostruire le nostre origini l’intuizione rimane forse la sola facoltà utile poiché essa attinge ai più profondi e […]
  • Il pozzo sacro di Santa Cristina: alcune considerazioni sui simboli
    La Sardegna è un tempio a cielo aperto costellato di manifestazioni sacre o, per dirla con Eliade, ierofanie: nuraghi, domus de janas, tombe di giganti, menhir e pozzi sacri che si fondono con rocce zoo […]
  • Il Guerriero di Capestrano è una donna?
    Nel 1934, toccò a un contadino che lavorava sulla sua terra poco fuori dal paese di Capestrano trovare una grande statua. La parte anteriore era parecchio rovinata, ma il retro era in perfette condizioni. Era […]
  • Daunia antica. Artigiane, terapeute, sacerdotesse: le donne delle stele
    Per diverse società antiche e tradizionali il tema femminile è stato principale nell’arte e nell’artigianato. Si è verificato anche nella Daunia più antica con le statue-stele, ho già trattato di questo in un articolo precedente […]

Siti archeologici

Videografia