La scheda è stata curata da Elvira Visciola

Si tratta di una statuina su un totale di 15, trovata durante gli scavi al complesso dei Balzi Rossi, ad un passo dal confine francese, alla Barma Grande a circa 6 metri di profondità, in uno strato contenente focolari e strumenti intagliati tipici del primo epigravettiano, datati al 17.000 a.C. Indicata da White e Bisson, coloro che nel 1998 rappresentarono in un unico quadro 14 statuine, con il numero 02; è detta anche “Giano” perché il volto, con occhi e bocca scolpiti, è rappresentato su entrambi i lati della statuina appiattita. Sul capo sono evidenti una serie di incisioni discontinue a rappresentare un cappuccio o l’acconciatura dei capelli. Scolpita su un frammento di steatite opaca di colore verde scuro, ha il seno di forma ovale, con pancia prominente, natiche appiattite ed una piccola vulva aperta scolpita; le ginocchia ed i piedi sono completamente assenti. Tra il seno ed il collo è presente un foro realizzato prima della modellazione dei seni, probabilmente perché è stato utilizzato come ciondolo. Sono evidenti tracce di materiale rossastro, probabilmente ocra, soprattutto all’interno del solco tra le gambe.

Note storiche

La statuina è stata scoperta durante gli scavi organizzati tra il 1883 ed il 1884 da Louis Alexandre Jullien, un commerciante di Marsiglia, alla Barma Grande; dopo la morte di Jullien, una delle figlie, che nel frattempo si era trasferita negli Stati Uniti, Laurence, la vendette nel 1944 al Peabody Museum dell’Università di Harvard insieme a circa 380 strumenti in pietra ritrovati da Jullien negli scavi alla Barma Grande.

Le notizie storiche riguardanti i ritrovamenti sono descritte nel saggio “Madri del Tempo” e “I Balzi Rossi“.


NOME Statuina con il collo perforato (Venere) dei Balzi Rossi esposta negli Stati Uniti
OGGETTO STATUINA FEMMINILE
FASCIA DI DATAZIONE Paleolitico Superiore - Fino A 10.000 anni fa
LOCALITA' DEL RITROVAMENTO Sito archeologico dei Balzi Rossi, nei pressi della frazione Grimaldi nel Comune di Ventimiglia - Provincia di Imperia
CONTESTO AMBIENTALE Grotte
REPERTI ESPOSTI

E’ esposta al Peabody Museum of Archaelogyy & Ethnology dell’Università di Harvard, 11 Divinity Ave, Cambridge, MA 02138, Stati Uniti.

STATO DI CONSERVAZIONE

Lo stato di conservazione è buono, anche se nella parte bassa è andata persa una scheggia.

DIMENSIONI Ha dimensioni massime di 61x21x11 mm. con un peso di poco più di 16 grammi
CONDIZIONE GIURIDICA Proprietà Peabody Museum of Archaelogyy & Ethnology dell’Università di Harvard a Cambridge negli Stati Uniti.
LINK ESTERNI

Per il Peabody Museum of Archaelogyy & Ethnology

BIBLIOGRAFIA
  1. M. Mussi, P. Bolduc, J. Cinq-Mars – Les figurines des Balzi Rossi (Italie): une collection perdue et retrouvée – “Bull. Société Prehistorique de l’Ariège” – 1996;
  2. M. Mussi, P. Bolduc, J. Cinq-Mars – Le 15 figurine Paleolitiche scoperte da Louis Alexandre Jullien ai Balzi Rossi – estratto da “Origini e Preistoria e Protostoria delle Civiltà antiche” – 2004;
  3. V. Formicola, B. M. Holt – Tall guys and fat ladies: Grimaldi/s Upper Paleolithic burials and figurines in a historical perspective – in “Journal of Anthropological Sciences” – Vol 93 – 2015;
  4. M. Mussi, J. Cinq-Mars e P. Bolduc – I Balzi Rossi alla Belle Epoque tra scoperte, polemiche, interessi e veleni – in Atti del Convegno “La nascita della Paleontologia in Liguria” – Bordighera 2008;
  5. M. Mussi – L’utilisation de la stéatite dans les grottes des Balzi Rossi (ou grottes de Grimaldi) – in “Gallia préhistoire” – tome 33 – 1991;
  6. P. Leonardi – Testimonianze di arte paleolitica nell’Italia settentrionale – in “Atti del 6° convegno sulla Preistoria, Protostoria, Storia della Daunia” – 14-16 dicembre 1984;
  7. R. White, M. S. Bisson – Imagerie féminine du Paléolithique: l’apport des nouvelles statuettes de Grimaldi – in “Gallia préhistoire” – tome 40 – 1998;
  8. L. Malpieri, A. Orlandini – Le vulcaniti scheggiate della “Barma Grande” ai Balzi Rossi di Grimaldi – Convegno alla Riunione della Società Mineralogica Italiana dell’11 ottobre 1968 in Napoli;
  9. A. Carassale, D. Gandolfi, A. G. Manzoni – Il Viaggio in Riviera. Presenza straniere nel Ponente Ligure dal XVI al XX secolo – in “Atti del Convegno Bordighera” 14 e 21 giugno 2014.

Approfondimenti

Madri del Tempo – Elvira Visciola

Approfondimenti

I Balzi Rossi – Antonella Traverso