Incontri di Preistoria: Giorgio Samorini – Maria Laura Leone

Incontri di Preistoria: Giorgio Samorini – Maria Laura Leone

Eccoci giunt* all’ultimo degli INCONTRI di PREISTORIA prima della pausa estiva. Mercoledì 19 Giugno 2024 avremo il piacere di ascoltare le relazioni di Giorgio Samorini dal titolo Archeologia delle piante psicoattive in Italia e di Maria Laura Leone che interverrà su Archeologia dell’oppio in Daunia: fra stele, vasi e figure femminili.

Giorgio Samorini è un ricercatore indipendente, specializzato nell’etnobotanica delle piante psicoattive. Ha condotto ricerche sul campo in Africa equatoriale, Messico, Amazzonia, India. Fra le ricerche di carattere archeo-etnobotanico, ha individuato il più antico culto di funghi allucinogeni espresso nelle pitture epipaleolitiche del Sahara e ha stilato i dati relativi alle più antiche documentazioni della relazione dell’uomo con le principali piante psicoattive di tutto il mondo. È consulente presso diverse equipe di ricerca archeologica del Mediterraneo e del Sud America. È autore di numerosi libri e di un centinaio di articoli di riviste scientifiche. La sua relazione, L’archeologia italiana e le piante psicoattive tratterà delle ricerche di questi ultimi anni che stanno moltiplicando gli indizi dell’impiego di piante psicoattive fra le antiche popolazioni del territorio italiano, e ciò grazie anche alle nuove metodiche e strumenti analitici a disposizione degli archeologi.
La ricerca di tracce vegetali e chimiche viene svolta, oltre che nei vasi di terracotta e altri manufatti, anche in campioni biologici dei resti umani quali calcoli dentali, capelli e tessuti ossei. In queste indagini sono state rilevate tracce della presenza di alcol, oppio, canapa, funghi, efedra.

Maria Laura Leone, che collabora con il sito Preistoria in Italia da tempo, è Archeologa e storica dell’arte, si è laureata a Lecce con Emmanuel Anati, specializzata a Bari con Alfredo Geniola e formata al Centro Camuno di Studi Preistorici in Valcamonica, con il quale ha partecipato a viaggi di studio sull’arte preistorica di Europa, Israele e Cina e sul fenomeno delle Statue-Stele e del Megalitismo in Italia, Svizzera e Francia. Ha preso parte a scavi archeologici collaborando con la Soprintendenza della Puglia, di Atene e Università di Bari e della Sapienza di Roma. Ha tenuto conferenze in Italia, Grecia e Svezia e pubblicato diversi lavori, tra cui una monografia sull’arte di Grotta dei Cervi a Porto Badisco. Tra i suoi studi principali figurano: la lettura delle pitture di Grotta dei Cervi come espressioni mitiche intrecciate a Stati Modificati di Coscienza; l’interpretazione delle stele daunie come simulacri divini; l’identificazione della simbologia del Papavero da Oppio nella Daunia antica. Ha dato vita al sito www.artepreistorica.com con il contribuito scientifico di studiosi di vari paesi e ha la cattedra di Storia dell’Arte presso il Liceo Classico “Casardi” di Barletta.

I prossimi incontri, ormai previsti per l’autunno, saranno comunicati sul sito www.preistoriainitalia.it e sulla pagina Facebook di Preistoriainitalia.it

Print Friendly, PDF & Email